15 luglio 2018

Lo stile

Lo stile del Centro Giovanile Card. Schuster

Un’immagine del Centro Schuster: [2]

  • l’amicizia come stile di comportamento;

  • l’attenzione ai Giovani, come obiettivo principale;

  • gli Allenatori e i Genitori quali promotori, in collaborazione, dell’azione educativa permanente;

  • la centralita’ della figura dell’Allenatore nell’educazione psico-fisica del ragazzo;

Ogni iscritto e’ una persona che conta.[4]

Ai giovani che vogliono essere solo dei consumatori il Centro Schuster contrappone un ambiente cristiano che propone di essere “uomini per gli altri”. [5]

I concetti animatori: [5]

  • un sano equilibrio tra l’attivita’ sportiva e la proposta cristiana;

  • un sano equilibrio tra gli interessi del giovani ed il bene della famiglia;

  • un sano equilibrio tra il recupero di coloro che sono lontani e la fedelta’ alla proposta;

  • l’accentuazione sempre maggiore dell’iniziativa giovanile;

  • la cura personale.

Il Centro Giovanile pur avendo scopi religiosi e sportivi non e’ pero’ ne’ un’organizzazione religiosa ne’ solo una societa’ sportiva. [5]

Lo sport come uno strumento educativo

  • L’impegno a fare sport:

  • aiuta a formare il carattere del ragazzo alla fedelta’,

  • ad essere coerente nell’impegno,

  • a rispettare un programma,

  • a stare un proprio ruolo insieme ad altri

  • comporta l’esercizio della disciplina, educa allo spirito di sacrificio;

  • e’ un antidoto efficace a pericolose devianze.

Inoltre, lo spirito agonistico richiede senso sociale, autodisciplina, lealta’, resistenza, fedelta’, partecipazione. [4]

—————————————

Riferimenti VerdeNero:

  • 1971/05 – Per un serio rinnovamento (par 3 e 4) – pag. 30;

  • 1986/01 – pag 46 ;

  • 1988/12 – Lo spogliatoio – pag. 2;

  • 1988/12 – Itinerari educativi a cura di Card. Martini sj – pag. 3;

  • 1990/01 – Progetto educativo – pag. 16;

  • 1994/01 – L’idea del Centro Schuster – pag. 14